FELICITA'

 

Brano tratto da "Naturales quaestiones" di Seneca

""Se vogliamo essere felici, se non vogliamo vivere nel timore degli uomini, degli Dei e delle cose, se vogliamo non curare le vane promesse e le frivole minacce della fortuna, teniamo sempre l'anima nostra pronta a partire. Insidie, malattie, spade nemiche, fragore di case abbattute, immensitÓ d'incendi devastanti, vengano pure a prenderla; e noi la incoraggeremo nel momento della partenza e la congederemo con tanti auguri: "Vai: coraggio e felicitÓ!".""

Seneca

 

        Torna indietro