Nella Treviso medioevale, non appena fu concesso ai cittadini il permesso di costruirsi case di pietra con mattoni sul tetto, si and˛ a gara nell'edificare le torri che sovrastavano la cittÓ come segno di potenza delle famiglie pi¨ in vista.

Di queste torri, la cui iconografia Ŕ stata abbondante in passato, raffigurate anche nell'antico stemma della cittÓ (tre torri nere in campo bianco), ci rimane soltanto qualche esempio: la Torre del Visdomino in via Cornarotta, acquistata nel 1500 da Bartolomeo Burchelati che vi abit˛ e poi da Arturo Martini che vi fece il suo studio d'artista; la Torre della famiglia Oliva in via Paris Bordon, la Torre Rossignona in Calmaggiore e il Campanile del Duomo, originariamente abitazione dei Tempesta, signori di Noale e avogari del Vescovo di Treviso.

Home page
Enigmistica
Foto Gallery
Wallpapers
Grafica
Ricette
Segreti della nonna
Di tutto un po'
Treviso
Storia
Mura e porte
Torri
Portici
Case affrescate
Canali
Piazze e palazzi
Chiese
Gastronomia
Treviso (English)
Disclaimer
Guestbook